Test sierologici e datore di lavoro e scuola così si è espresso il Garante - Notizie - Dsgaonline.it consigli, norme e novità dal mondo della scuola
Seguici

Test sierologici e datore di lavoro e scuola: così si è espresso il Garante

test covid

Svariati datori di lavoro, anche pubblici e scuole, si sono posti la domanda se sia possibile imporre l'espletamento di test sierologici ai dipendenti. Sul punto, è dovuto intervenire il Garante della Privacy.
Il Garante ha sostenuto che il datore di lavoro non può direttamente far fare test sierologici ai dipendenti e lo ha chiarito a seguito dell'accordo di protocollo siglato già in data 14 marzo 2020 con il Governo, poi integrato in data 24 aprile 2020. A questo accordo, il Garante ha fornito linee guida per garantire il trattamento corretto dei dati personali dei dipendenti da parte tanto delle imprese private quanto delle PP.AA.. Il Garante ha precisato che il datore di lavoro può soltanto richiedere di effettuare il test sierologico nell'ambito del sistema di prevenzione e sicurezza sui luoghi del lavoro.
Non può, invece, obbligare i dipendenti a sottoporvisi.
La richiesta, inoltre, può essere ordinata esclusivamente dal medico del lavoro, secondo le norme relative all'emergenza Covid-19, ovviamente con la finalità di prevenzione della diffusione e del contagio della patologia. In ogni caso, l'emergenza sanitaria non può giustificare una deroga alla disciplina in materia di riservatezza dei dati presente nel Codice Privacy. Di conseguenza, permane in capo al medico competente il divieto di informare il datore di lavoro sulle specifiche patologie occorse al lavoratore.
Più in generale, devono essere rispettati i principi di protezione dei dati personali, previsti dal Codice Privacy. Tuttavia, nell'ambito della sua funzione di garanzia della salute, il medico del lavoro può suggerire l'adozione di mezzi diagnostici, allo scopo di contenere la diffusione del virus.
Inoltre, potrà anche dare al datore di lavoro privato e pubblico indicazioni che riguardano la salvaguardia del lavoratore sul luogo di lavoro, in ragione di sue particolari condizioni.
In conclusione, in questo momento in cui, ragioni di emergenza, suggeriscono da più parti, la lesione del diritto alla privacy, la funzione equilibratrice del Garante è quanto mai necessaria.

Seguici

 

Identificati