NeoDSGA servizio prestato presso altre PP.AA - Notizie - Dsgaonline.it consigli, norme e novità dal mondo della scuola
Seguici

NeoDSGA: servizio prestato presso altre PP.AA

ricostruzione-carriera27

Ci viene posta una domanda. In sintesi: sono assistente amministrativo contabile presso un'altra Amministrazione del Comparto Ministeri da 7 anni. Ho superato il concorso per DSGA. Mi chiedo, quali sono gli adempimenti per il passaggio? C' ė un modo per non perdere l'anzianità di servizio maturata? Mi interessavano sapere le varie possibilità. Anche perché sul punto ci sono voci contrastanti. Qualcuno mi ha detto che potrei fare ricostruzione/temporizzazione. Altri mi dicono invece che si parte da zero.
Vediamo, prioritariamente, di intenderci sul significato di alcuni termini ed in primis passaggio ("adempimenti per il passaggio"), inquadramento, ricostruzione, temporizzazione etc...
Con il termine passaggio si intende quello volontario di un dipendente da una amministrazione ad una altra. È previsto anche per la scuola, ma solo per gli ATA in posizione di comando, distacco o fuori ruolo alla data di entrata in vigore della legge 107/ 2015. Peraltro la procedura non risulta ancora realizzabile, non essendo mai stati definiti i criteri generali per l'attuazione ai sensi del co.1 art. 30 d.lgs. n.165/2001. La domanda concerne pertanto l'inquadramento nell'ordinamento retributivo della scuola di un vincitore di concorso in servizio presso una altra amministrazione, considerate le fonti normative, comprese le circolari ministeriali di attuazione, le tabelle retributive e gli schemi di atti e di provvedimenti.
Connesso al concetto di inquadramento retributivo è quello di ricostruzione di carriera, più esattamente: riconoscimento dei servizi ai fini della carriera, cioè il riconoscimento dell'anzianità utile ai fini della carriera di quanto anche derivante dalla valutazione di servizi e periodi pre-ruolo, nonché di altri benefici. Connesso alla nomina in ruolo (stipula del contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato) vi è poi quello di conferma in ruolo (superamento del periodo di prova); a seguito della conferma sorge il diritto alla ricostruzione di carriera. È un diritto che spetta a domanda (art. 10 D.L. 370/1970 conv. legge 576/1970), e quindi, in quanto tale, è soggetta alla prescrizione quinquennale (per i soli arretrati) o decennale (anche per il diritto stesso di poterla richiedere).
Il pre-ruolo oggetto del riconoscimento per gli ATA, ai sensi dell'art. 4, co. 13, dPR 399/1988) è costituito a) dal servizio non di ruolo prestato in qualità di ATA e docente, nelle scuole statali (escluse tutte le altre); b) dal servizio di ruolo prestato nelle scuole statali in qualsiasi carriera inferiore. Pertanto, è facile vedere che non è prevista alcuna altra diversa amministrazione: solo la scuola e non, ad esempio, i ministeri. Pertanto non ci sono varie possibilità ("Mi interessavano sapere le varie possibilità"), la norma è tassativa e non riconosce servizi in altre PP.AA..
Lo stesso dicasi per la ricostruzione/temporizzazione, che non è una scelta, ma discende dalla tipologia di 2 categorie di direttori SGA in servizio:
a) gli assunti dsga in prima applicazione, provenendo dalla qualifica di responsabile amministrativo dall'1.9.2000, che non hanno diritto alla ricostruzione di carriera bensì alla temporizzazione atipica (art. 8 CCNL 15/3/2001 e art. 87 CCNL 24/7/2003);
b) gli assunti dsga a partire dal 1.09.2003, i quali provengono dal ruolo inferiore di assistente amministrativo a seguito di concorso per il passaggio alla qualifica superiore (art. 7, co. 7, D.M. n. 146 del 18/5/2000), che hanno diritto alla ricostruzione.
Peraltro anche la temporizzazione prevede solo servizi prestati nelle scuole.
Il servizio prestato presso una altra amministrazione è valido ai fini pensionistici e del TFR; può essere riconosciuto un assegno a personam qualora lo stipendio in godimento nell'altra P.A. sia superiore, anche se è piuttosto improbabile.

Seguici

 

Identificati