REPERIBILITA' PER VISITA FISCALE OCCORE COMUNICARE L'EVENTUALE ALLONTANAMENTO

28537275 m

Importante sentenza della Cassazione sull'obbligo di reperibilità durante l'assenza per malattia; la Cassazione ha stabilito che il lavoratore può assentarsi da casa durante gli orari di reperibilità solo per motivi urgenti e indifferibili e anche in questo caso l’assenza dalla abitazione durante gli orari di reperibilità va prima comunicata al datore di lavoro.

Il lavoratore può sottrarsi alla visita fiscale e, quindi, all’obbligo di reperibilità, solo per comprovate ragioni quali, ad esempio, l’indifferibile necessità di recarsi in un altro luogo (tipico è il caso dell’abbandono del domicilio per recarsi presso l’ambulatorio del medico curante).

Ma anche in questi casi deve prima avvisare il datore di lavoro della sua assenza. Infatti, l’obbligo di reperibilità alla visita medica di controllo comporta che l’allontanamento dall’abitazione sia giustificato solo quando tempestivamente comunicato agli organi di controllo dell’Istituto.

Se il dipendente non può neanche inviare tale comunicazione in anticipo o se la invia dopo essersi assentato, dovrà giustificare il mancato o tardivo avviso

Vai alla sentenza